Documenti da tenere a bordo

Sui natanti, oltre ai documenti di riconoscimento (è prudente averli a bordo), devono essere tenuti:
- la dichiarazione di potenza del motore sia per il motore entrobordo che fuoribordo. Il certificato d'uso è stato    soppresso dal codice, ma quelli rilasciati continuano ad avere validità. Nei casi di smarrimento sono riconosciuti    validi, come documenti equipollenti, il certificato di omologazione e la dichiarazione di conformità e, per le unità    cancellate dai registri, l’estratto del R.I.D dal quale risultino i dati tecnici del motore;
- la polizza di assicurazione e contrassegno per il motore sia principale sia ausiliario, di qualsiasi potenza, con la    garanzia minima di 774,690 Euro. (L’esenzione fino a 3 CV fiscali è stata soppressa);
- la patente nautica in corso di validità, quando obbligatoria (non è soggetta a bollo annuale);
- per i natanti omologati: il certificato di omologazione e la dichiarazione di conformità. Sul certificato è indicato il    numero delle persone trasportabili, sempre più favorevole rispetto a quanto previsto dal regolamento al codice    della nautica per le unità non omologate (3 persone fino a m. 3,50, 4 persone fino a m. 4,50, 5 fino a 6 m. 6 fino    a m 7,50, 7 fino a 8,50 e 9 persone se di lunghezza superiore). Nel documento è, inoltre, indicata la potenza    massima del motore installabile a bordo nonché l’abilitazione alla navigazione (per unità non-CE: entro 6 miglia o    senza alcun limite).
Nota: quando a bordo sono trasportate attrezzature sportive subacquee, il numero delle persone trasportabili è ridotto in ragione di una persona ogni 75 kg. di materiale imbarcato.
- Nel caso che a bordo vi sia un apparato VHF (è obbligatorio solo quando si naviga a distanza oltre le 6 miglia    dalla costa) devono essere tenuti i seguenti documenti:
a) certificato limitato di radiotelefonista: si consegue senza esame e non ha scadenza;
b) licenza di esercizio RTF: non è soggetta a scadenza né al bollo.
c) copia dell’autocertificazione per l’assunzione di responsabilità, nel caso d’uso dell’apparato ai soli fini di     emergenza e di sicurezza, oppure il contratto di utenza con una concessionaria (Telemar o I.T.S – Servizi     Marittimi e Satellitari (ex Telecom). Nei casi di traffico di corrispondenza pubblica il codice impone il collaudo     dell’apparato VHF installato a bordo.
Nota: L'obbligo di avere a bordo il manuale del proprietario per le unità CE è stato soppresso.

Sulle imbarcazioni (CE e non CE), oltre ai documenti di riconoscimento, devono essere tenuti a bordo:
 .  la licenza di navigazione con relativo certificato di sicurezza (controllare la scadenza);
 .  la polizza di assicurazione dell'unità nonché dell'eventuale motore ausiliario e del tender, indipendentemente     dalla potenza del motore. Il relativo contrassegno non va più esposto ma va tenuto tra i documenti di bordo;
 .  la dichiarazione di potenza del motore (per le unità munite di motore fuoribordo). Il certificato d’uso è stato     soppresso ma quelli già rilasciati continuano ad essere validi. Nei casi di smarrimento vale quanto dianzi detto     per i natanti;
 .  la patente nautica in corso di validità, che può essere utilizzata nei limiti dell’abilitazione dalla costa autorizzata.
Per l’apparato VHF (è obbligatorio quando si naviga oltre sei miglia) vale quanto detto per i natanti.
Canone Radio e TV a bordo: le unità da diporto sono esenti dal pagamento del canone, però, se utilizzate per le attività commerciali il canone è invece dovuto.
Note: ecco alcune novità introdotte dal codice della nautica e dalla direttive di coordinamento:
a) In caso di furto, il proprietario previa presentazione della denuncia e la restituzione della licenza di     navigazione all’ufficio di iscrizione, può ottenere l’annotazione nel registro della perdita di possesso. Ove l’unità     venga ritrovata si riacquista il possesso e l’interessato deve richiedere una successiva annotazione all’ufficio di     iscrizione che rilascia una nuova licenza di navigazione, previa visita occasionale per una ricognizione dell’unità.
b) Nei casi di passaggio di proprietà, è stato istituito lo strumento della “ricevuta” dell’avvenuta presentazione     della documentazione che sostituisce a tutti gli effetti la licenza di navigazione, per la durata di gg. 20 (termine     entro il quale la pratica deve essere portata a termine) consentendo al diportista di continuare a navigare nelle     acque nazionali e secondo le direttive ministeriali anche in quelle straniere.
c) La firma degli atti di compra-vendita, degli altri diritti reali di garanzia e la dichiarazione di nomina/revoca     dell’armatore, secondo la normativa sulle liberalizzazioni delle professioni e le direttive ministeriali, può essere     autenticata anche presso gli uffici comunali o gli Sportelli Telematici dell’Automobilista senza alcuna necessità     dell’intervento del notaio.
d) La pubblicità degli atti di compravendita è obbligatoria e va richiesta all’ufficio di iscrizione nel termine di 60     giorni dalla data dell’atto, pena il ritiro della licenza di navigazione e il pagamento di una sanzione che va da     Euro 207 a 1.033 Euro. Nel caso di ritardo da parte degli uffici finanziari alla restituzione dell’atto registrato, la     trascrizione nei registri può essere effettuata mediante la presentazione della ricevuta comprovante l’avvenuto     pagamento dell’imposta di registro, salvo presentare successivamente il titolo registrato.
e) se nel corso della navigazione si verifichino eventi straordinari, la denuncia va presentata all’autorità marittima     o consolare (se all’estero) entro tre giorni dall’approdo; se gli eventi abbiamo coinvolto l’incolumità fisica delle     persone il termine è ridotto a 24 ore;
f) Per la navigazione tra i porti nazionali i documenti di bordo possono essere tenuti in copia autenticata. In caso di     furto o smarrimento si può navigare con la copia della denuncia resa, che costituisce autorizzazione provvisoria     alla navigazione per la durata di 30 giorni, a condizione che il certificato di sicurezza e la polizza di assicurazione     siano in corso di validità.